Diritto della catena di approvvigionamento dell'UE - panoramica per le aziende

L'Atto sulla catena di approvvigionamento dell'UE obbliga le grandi imprese dell'UE a rispettare i diritti umani e gli standard ambientali lungo le loro catene di approvvigionamento globali. Questi sono gli aspetti più importanti per le aziende:

L'Atto sulla catena di approvvigionamento dell'UE obbliga le grandi imprese dell'UE a rispettare i diritti umani e gli standard ambientali lungo le loro catene di approvvigionamento globali. Questi sono gli aspetti più importanti per le aziende:

Queste aziende sono interessate dall'Atto per la catena di fornitura dell'UE

La legge europea sulla catena di approvvigionamento (Corporate Sustainability Due Diligence Directive, CSDDD) si applica alle aziende dell'UE con più di 1.000 dipendenti e un fatturato annuo netto globale di 450 milioni di euro.

Le piccole e medie imprese non rientrano quindi nel campo di applicazione della direttiva.

Anche le aziende di Paesi non appartenenti all'UE (Paesi terzi) devono conformarsi all'EU Supply Chain Act se generano un fatturato superiore a 450 milioni di euro all'anno nell'UE.

Tuttavia, ci saranno diversi periodi di tempo per l'applicazione dell'EU Supply Chain Act, scaglionati in base alle dimensioni dell'azienda.

  • Dopo tre anni per le aziende con più di 5.000 dipendenti e un fatturato di 1.500 milioni di euro;
  • Dopo quattro anni per aziende con più di 3.000 dipendenti e un fatturato di 900 milioni di euro;
  • Dopo cinque anni per le aziende con più di 1.000 dipendenti e un fatturato di 450 milioni di euro.

I periodi si applicano a partire dall'entrata in vigore della direttiva.

EU Supply Chain Act: ecco i requisiti per le aziende

Le aziende interessate devono adempiere a una serie di obblighi di due diligence per soddisfare i requisiti della legge. Questi includono

  • Analisi del rischio: Le aziende devono effettuare regolarmente un'analisi completa dei rischi delle loro catene di fornitura, al fine di identificare i potenziali rischi per i diritti umani e l'ambiente.
  • Misure preventive e correttive: Le aziende sono tenute ad adottare misure per prevenire o ridurre al minimo i rischi identificati. Queste includono la formazione dei dipendenti e dei fornitori e l'implementazione di meccanismi di controllo.
  • Rendicontazione e trasparenza: Le aziende devono pubblicare una relazione annuale sugli obblighi di due diligence che descriva in dettaglio le misure adottate e i risultati ottenuti. Questo rapporto deve essere accessibile al pubblico.
  • Procedura di reclamo: Le aziende devono istituire meccanismi di reclamo efficaci che consentano agli interessati di segnalare le violazioni. Questi meccanismi devono essere facilmente accessibili e affidabili.

Ambito di responsabilità

Gli obblighi di due diligence si estendono all'intera catena di fornitura e di valore, in base all'ambito di influenza dell'azienda.

  • I fornitori diretti devono essere completamente inclusi,
  • Fornitori indiretti a conoscenza delle violazioni.

Responsabilità e sanzioni

È prevista una combinazione di controlli ufficiali, tra cui l'imposizione di multe e la responsabilità civile.

Le autorità sono autorizzate a condurre indagini, effettuare ispezioni, emettere ordini e imporre multe in caso di violazione degli obblighi di due diligence. In caso di violazione possono essere comminate multe fino al 5% del fatturato netto globale.

La CSDDD prevede anche la responsabilità civile per i danni causati da violazioni della due diligence. Le imprese saranno responsabili dei danni e dovranno risarcire le vittime. Ciò vale in particolare per le vittime di violazioni dei diritti umani.

Obiettivi ambientali obbligatori

Inoltre, tutte le aziende dell'area di applicazione sono tenute a redigere un piano climatico per allineare la propria strategia aziendale all'obiettivo di 1,5°C (Accordo di Parigi). Esse devono contribuire alla neutralità climatica e fissare i corrispondenti obiettivi di riduzione delle emissioni.

Le aziende interessate sono quindi chiamate ad agire in modo proattivo e a rivedere le loro catene di fornitura in relazione ai diritti umani e ai rischi ambientali. Le aziende dovrebbero cogliere l'opportunità di migliorare i propri processi e dare un contributo positivo alla società e all'ambiente.

Condividi questo post :

Categorie più popolari

Newsletter

Ricevete consigli e risorse gratuite direttamente nella vostra casella di posta, insieme ad oltre 10.000 altre persone
it_ITItalian