Il piano d'azione della CNIL francese per la regolamentazione dei sistemi di IA

Kategorien:

Intelligenza artificiale: il piano d'azione della CNIL francese per la regolamentazione dei sistemi di IA

Introduzione

Alla luce dei recenti sviluppi nel campo dell'intelligenza artificiale (IA), e in particolare delle IA generative come ChatGPT, la Commission Nationale de l'Informatique et des Libertés (CNIL) ha pubblicato un piano d'azione finalizzato alla diffusione di sistemi di IA che rispettino la privacy delle persone. L'IA generativa è un'area emergente dell'IA che consente di generare testo, immagini e altri contenuti sulla base di istruzioni dell'utente. In questo articolo analizzeremo i dettagli di questo piano d'azione e ne discuteremo l'importanza per la protezione della privacy.

Il ruolo della CNIL

Negli ultimi anni la CNIL ha già svolto un ampio lavoro per prevenire e affrontare le sfide associate all'IA. Nel 2023, il CNIL continuerà le sue azioni per regolamentare le telecamere aumentate ed estenderà il suo lavoro alle IA generative, ai modelli linguistici su larga scala e alle loro applicazioni derivate come i chatbot. Il piano d'azione della CNIL si concentra su quattro aree principali:

Comprendere il funzionamento dei sistemi di intelligenza artificiale e il loro impatto sugli individui.
Promuovere e regolamentare lo sviluppo di un'intelligenza artificiale rispettosa della privacy.
Supporto e collaborazione con attori innovativi nell'ecosistema dell'IA in Francia e in Europa.
Test e controllo dei sistemi di intelligenza artificiale per la protezione delle persone.
Queste misure servono anche a preparare l'attuazione del regolamento europeo sull'IA attualmente in discussione.

La protezione dei dati personali come sfida chiave

Con il progredire dell'IA, aumentano le sfide nell'ambito della protezione dei dati e della tutela delle libertà individuali. La CNIL ha commentato le questioni sollevate da questa tecnologia fin dal 2017 nel suo rapporto sulle sfide etiche degli algoritmi e dell'intelligenza artificiale.

Negli ultimi mesi le IA generative hanno fatto grandi progressi, soprattutto nell'area del testo e della conversazione. Utilizzando modelli linguistici di grandi dimensioni come GPT-3, BLOOM o Megatron NLG e chatbot derivati come ChatGPT o Bard, questi sistemi possono generare testi che si avvicinano molto a quelli creati dagli esseri umani. Ci sono stati sviluppi significativi anche nell'area della generazione di immagini e del parlato. Sebbene questi modelli e tecnologie siano già utilizzati in vari settori, la loro funzionalità, le possibilità e i limiti, nonché le sfide legali, etiche e tecniche associate sono ancora oggetto di un intenso dibattito.

La CNIL pubblica il suo piano d'azione sulla regolamentazione dell'intelligenza artificiale per sottolineare l'importanza della protezione dei dati personali nello sviluppo e nell'utilizzo di questi strumenti. In particolare, si concentra sulle IA generative.

Cosa sono le IA generative?

Le IA generative sono sistemi in grado di creare testi, immagini e altri contenuti (musica, video, parlato, ecc.) sulla base di istruzioni di utenti umani. Questi sistemi possono generare nuovi contenuti a partire dai dati utilizzati per l'addestramento. Grazie all'ampio set di dati di addestramento, possono ottenere risultati già molto vicini alle produzioni umane. Tuttavia, è importante che gli utenti specifichino chiaramente le loro richieste per ottenere i risultati desiderati. Per questo motivo, si stanno sviluppando competenze specifiche in relazione alla formulazione delle query degli utenti (prompt engineering).

Il piano d'azione della CNIL in quattro fasi

Negli ultimi anni, la CNIL ha svolto un lavoro approfondito sulla regolamentazione dell'IA, prendendo in considerazione diversi tipi di sistemi di IA e i loro casi d'uso. Il suo piano d'azione si concentra su quattro obiettivi principali:

  • Funzionalità e impatto dell'IA sulla privacy e sui diritti delle persone
  • Creazione di un quadro giuridico per l'utilizzo dei sistemi di IA che garantisca la protezione dei dati.
  • Supporto e collaborazione con gli innovatori dell'IA in Francia e in Europa
  • Revisione e controllo dei sistemi di IA per garantire i diritti e la protezione delle persone.

"Ciò che mi piace del piano d'azione è che l'obiettivo iniziale è quello di sviluppare una comprensione del funzionamento dei sistemi di IA e anche se e quale impatto ha sulle singole persone", commenta Marcus Belke, CEO del 2B Advice Group, un gruppo di aziende che offre soluzioni per la protezione dei dati da 20 anni. "Manca tuttavia un punto all'ordine del giorno sulle opportunità che l'IA offre alla protezione dei dati", continua Marcus Belke.

La CNIL rafforzerà le sue misure di controllo e in particolare esaminerà l'uso delle IA generative per garantire che le aziende che sviluppano, addestrano o utilizzano sistemi di IA abbiano adottato misure adeguate per proteggere i dati personali. L'obiettivo è creare regole chiare e protettive per il trattamento dei dati personali nei sistemi di IA.

Grazie a queste misure globali, il CNIL intende contribuire allo sviluppo di sistemi di intelligenza artificiale rispettosi della privacy, proteggendo al contempo la privacy e i diritti dei cittadini europei.

Con il suo piano d'azione, il CNIL spera di sostenere i responsabili della protezione dei dati (DPO) nell'affrontare le sfide associate all'intelligenza artificiale (AI). Fornendo linee guida e misure chiare per garantire la protezione dei dati nei sistemi di IA, i responsabili della protezione dei dati nelle aziende e nelle organizzazioni possono essere meglio preparati ad affrontare l'impatto delle tecnologie di IA. Il piano d'azione del CNIL fornisce una base per costruire un quadro favorevole alla privacy per l'uso dell'IA e aiuta i responsabili della protezione dei dati a implementare misure efficaci di protezione dei dati e a proteggere i diritti e le libertà degli interessati. Il lavoro del CNIL è quindi uno strumento prezioso per i responsabili della protezione dei dati per affrontare le sfide della protezione dei dati associate all'IA e garantire la protezione dei dati personali.

Tag:
Condividi questo post :
it_ITItalian